Alberto Olivieri

Lunedì, 17 Dicembre 2018 12:47
Riprende il Natale a Corinaldo. Con il pensiero e con il cuore a tutto ciò che è accaduto e a chi ne è rimasto coinvolto. Riprende per i bambini, della comunità la parte più pura e delicata. Il Natale corinaldese riprende soprattutto per loro, in forma ridotta e sobria. Alla luce dei fatti, la comunità di Corinaldo (Amministrazione, Consulte, commercianti, associazioni) si è ritrovata intorno a un tavolo, decidendo, insieme, di riprendere il Natale con piccole iniziative rivolte per lo più ai bambini.Questa sera lunedì 17 dicembre alle ore 21.00 nel Palazzo Municipale, si esibirà il Piccolo Coro “Città di Corinaldo” diretto dal maestro Alessandra Battistini con la partecipazione della Consulta dei Giovani di Corinaldo.Giovedì 20 dicembre ore 15.30 nella Casa di riposo S.Maria Goretti (viale degli Eroi, 17), pesca del sorriso a cura della Fondazione S.Maria Goretti.Venerdì 21 dicembre alle ore 16.30 nella Biblioteca Comunale (vicolo S.Agostino) letture e laboratorio per bambini dai 3 ai 7 anni con i lettori volontari Nati per Leggere (per info e prenotazioni 071 7976356 o 071 7978605). Sabato 22 dicembre dalle 16.00 alle 19.00 nell’ex asilo IIRRB in Piazza S.Pietro “Il bosco di Natale”; alle 17.00 nella Chiesa di S.Maria in Portuno a Madonna del Piano “Fiabe in campagna-Le parole nell’aria”, a cura dell’Associazione culturale Acchiappasogni (appuntamenti anche mercoledì 2 e sabato 5 gennaio 2019).Domenica 23 dicembre dalle 16.00 alle ore 19.00: “Il bosco di Natale”; il laboratorio per bambini a cura del CoriLab (Sala “M.Carafòli” del Palazzo Comunale); in via del Corso, mercatini di Natale in collaborazione con la CNA e castagnata a cura della Pro Loco di Corinaldo e gli Amici della Castagna. Mercoledì 26 dicembre ore 21.00 nella Sala polivalente (viale degli Eroi) tombola di Natale a cura dell’Oratorio parrocchiale di Corinaldo. Domenica 30 dicembre ore 21.00 a Madonna del Piano, nella Chiesa di S.Maria in Portuno “Concerto di Canti tradizionali e popolari di Natale” eseguito dalla Schola Cantorum Immacolata di Senigallia. Giovedì 3 gennaio 2019 ore 17.30 nella Sala Ciani del Palazzo Comunale “Le Marche: bellezza infinita”, conversazione con il professore Fabio Ciceroni, iniziativa a cura dell’Unitre di Corinaldo. Venerdì 4 gennaio ore 20.45 al CoriLaball’interno del Palazzo Comunale “Tombola dell’Epifania in famiglia”. Domenica 6 gennaio ore 9.30 camminata con canti e storie dei luoghi a cuora dell’associazione Ge.st.o; dalle ore 15.30 a Madonna del Piano “La Befana”, intrattenimento, benedizione dei bambini e distribuzione delle calze; dalle ore 16 a San Domenico tombola tradizionale.Dal 17 dicembre al 6 gennaio, sarà allestita una Pista di Pattinaggio per i più piccoli su ghiaccio in Piazza Il Terreno.La pista sarà aperta tutti i giorni dalle ore 16 alle 19. Per ogni folletto che pattinerà sulla pista di ghiaccio, uno speciale sconto nelle attività aderenti che espongono l’apposita locandina. Lettere alla felicità: presso lo Sperone sarà allestita una buca delle lettere in collaborazione con Poste Italiane, sede di Corinaldo e con l’Istituto Comprensivo di Corinaldo. Turisti e cittadini sono invitati ad imbucare la propria lettera alla felicità. Una selezione delle lettere sarà poi esposta presso l’ufficio postale di Corinaldo. Apertura dei Luoghi della Cultura Domenica 23 dicembre i Luoghi della Cultura del centro storico saranno aperti dalle ore 16.00 alle 19.00 con ingresso gratuito e ospiteranno associazioni locali. I Luoghi della Cultura dal 17 dicembre al 6 gennaio 2019 saranno aperti ogni sabato e domenica dalle 16.00 alle 19.00.I Luoghi della Cultura saranno inoltre aperti nei giorni mercoledì 26, giovedì 27, venerdì 28 dicembre, mercoledì 2, giovedì 3, venerdì 4 gennaio dalle ore 16.00 alle 19.00.Il biglietto unico per l’ingresso ai luoghi è disponibile presso lo IAT, gratuito per i minori di 14 anni. 
Martedì, 11 Dicembre 2018 08:29
Con l'obiettivo di fornire un aiuto costante per tutti coloro che sentono l'esigenza di un confronto e di un dialogo in seguito ai tragici fatti dei giorni scorsi, è stato aperto per tutta la settimana presso la sede della Pubblica Assistenza Avis di Corinaldo uno "Sportello di Ascolto e Dialogo" .Chiunque senta l'esigenza può recarsi in maniera privata ed anonima presso il centro. A servizio di tutti ci saranno i professionisti dell'Asur territoriale, del servizio di Protezione Civile e le organizzazioni di Protezione Civile.Il centro, per questa settimana, sarà aperto e disponibile tutti i giorni dalle 17.00 alle 20.00.Inoltre, per chi ne sentisse il bisogno, è stato attivato un numero specifico a cui potersi rivolgere per un confronto ed un ascolto con l'assistente sociale di Corinaldo: 3383924522. È possibile chiamare dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 14.00. Il martedì e il giovedì fino alle ore 18.00.
Martedì, 11 Dicembre 2018 08:28
La comunità di Corinaldo spontaneamente e insieme a tutte le associazioni corinaldesi organizza, venerdì 14 dicembre 2018 alle ore 21.00 una fiaccolata in ricordo delle vittime.   In questo momento di dolore e di lacrime, vogliamo ritrovare la forza profonda di una comunità. Stare insieme. Stare vicini. Per ricordare, per riflettere, per sostenere.   Il ritrovo è per venerdì 14 dicembre ore 21.00 è in via dell'Industria (zona Zipa) e da qui si raggiungerà a piedi e in silenzio il luogo della tragedia. Chi vuole può portare una candela per la fiaccolata.
Lunedì, 10 Dicembre 2018 09:29
"La città di Senigallia e il suo territorio sono in lutto per la terribile tragedia che si è verificata nel locale Lanterna Azzurra di Corinaldo nella quale hanno perso la vita sei persone e numerosi ragazzi sono rimasti feriti anche in modo serio. Ci stringiamo intorno alle famiglie delle vittime e ne condividiamo il grande dolore. Come segno di lutto per un dramma che ha profondamente colpito l'intera comunità locale abbiamo deciso di cancellare tutte le iniziative programmate per oggi e di spegnere tutte le illuminazioni natalizie".
Giovedì, 06 Dicembre 2018 11:41
La A.S.D. ProCorinaldo Skating è fiera di partecipare, come unica squadra marchigiana e per il terzo anno consecutivo, alla 45°edizione della Rassegna Nazionale gruppi folk UISP nella massima categoria Gruppi A2, evento in programma alla VitriFrigo Arena di Pesaro nei giorni 7-8-9 dicembre. Un evento che vedrà impegnati circa 300 società e che richiamerà più di 3500 atleti da tutto il territorio nazionale.Protagonisti principali gli atleti della società, dai 5 ai 20 anni, che da oltre due mesi si preparano per queste gare, sostituendo il loro tempo libero dalle attività scolastiche con gli allenamenti.“Ah che bella giornata! Perfetta per una passeggiata in giardino. Ma… oh che meraviglia…sono sbocciate le rose…” questa la storia de “La nascita di una rosa” che verrà rappresentata dal quartetto Senior delle Candy Sugar formato da Aurora Maltempi, Alessia Manoni, Annalisa Sebastianelli e Annalisa Ferretti. Tanti i podi conquistati dalle atlete, sia a livello provinciale che regionale e oltre al terzo posto al Trofeo Nazionale “Scala” di Napoli.“Le antiche leggende dei nativi americani parlano degli acchiappasogni, come di strumenti magici in grado di filtrare i sogni buoni, che scendono sulle persone attraverso le piume, gli incubi che rimangono intrappolati nei nodi e scompaiono alle prime luci dell’alba” questo porterà in scena il quartetto Junior delle Dynamo con “L’acchiappasogni”. Quartetto nato nel 2016, formato da Alessia Bruni, Karen Tarsi, Chiara Giannini e Greta Bacchiocchi, hanno avuto ottimi piazzamenti a livello provinciale e regionale, un quarto posto al Trofeo Nazionale “Scala” di Napoli.“Dalla prima risata del primo bambino nacquero le fate. Fu poi Peter Pan a indicare loro la via per l’isola che non c’è”, in pista le Moonlight con “Frammenti di risata”. Gruppo new folk formato da Ludovica Savelli, Margherita Micci, Maria Elisa Casagrande, Veronica Bernacchia, Giorgia Testaguzza e Lidia Lapesa. A fine giugno hanno partecipato al 13° International Skate Team Trophy svoltosi a Riccione.Ecco le Fearless con “Circus Divas”, mini gruppo Racconto in Musica formato da Chiara Carbonari, Alessia Bruni, Annalisa Ferretti, Aurora Maltempi, Alessia Manoni, Angela Marcantoni e Annalisa Sebastianelli. “Il pubblico applaude, il sipario cala e le dive del circo si abbandonano alla malinconia della vita di strada. Non è un legame fisso, non una dimora stabile… Ma lo spettacolo deve andare avanti! E allora: venghino signori, venghino, lo spettacolo inizia di nuovo!”.Domenica 9 il finale tanto atteso con il collettivo Monsters&Co che, per il secondo e ultimo anno, partecipa per la massima categoria Gruppi Folk A2. Classificatosi terzo alla Rassegna 2017, ha ricevuto, però l’unico Premio Memorial Bergamini assegnato alla squadra che meglio rappresenta lo spirito sportivo UISP “sport per tutti”. Grazie a questo premio, nel febbraio scorso, la squadra è stata invitata, come rappresentante marchigiana, al 33°Gran Galà Internazionale “Sport per la vita” a Roseto degli Abruzzi, accanto ai più noti campioni del pattinaggio artistico a rotelle mondiale.Il collettivo racconta l’omonimo film della Disney-Pixar: “Mostropoli è abitata da mostri e ricava l’elettricità dalle urla dei bambini umani, raggiungendoli la notte attraverso delle porte speciali, che conducono nel mondo degli umani. I mostri, a loro volta, considerano infetti ed anche mortali i bambini. Una porta non ritirata, permette a Boo di penetrare nel mondo dei mostri. Mike e Sulley cercano in di rimandarla indietro, ma la pericolosa bambina viene avvistata, così scoppia il panico. I mostri scoprono così, che Boo non è pericolosa, anzi che le risate dei bambini producono molta più energia rispetto alle urla! Da allora si rivoluziona il sistema di produzione di energia, con i mostri che entrando nelle camere dei bimbi per farli ridere”. “Tutti gli atleti della società lavorano da diversi mesi alla preparazione di queste gare- le parole del presidente della ProCorinaldo Skating Renato Giovannelli- Ogni atleta ha dedicato il suo prezioso tempo agli allenamenti e tutta la società vuole ringraziarli uno a uno, ma nominarli tutti richiederebbe troppo inchiostro, perché sono oltre100 atleti! Ringraziamento anche i genitori e gli allenatori Rudy e Kikka, che hanno reso possibili le sessioni di allenamento. Grazie, perché comunque vada è già un successo essersi qualificata alle gare nazionali 2018”.ASD ProCorinaldo Skating
Martedì, 04 Dicembre 2018 08:47
“Con l’approvazione del decreto Salvini, di cui è dubbia perfino la legittimità costituzionale, l’Italia compie un gravissimo balzo indietro sui temi dell’accoglienza e dell’integrazione dei migranti. Potremmo discutere a lungo sul cinismo che lo ha ispirato, sull’irresponsabilità di chi alimenta ad arte la xenofobia per poi specularci politicamente, sulla colossale ignoranza di chi pensa che un fenomeno storico come quello dei flussi migratori possa essere fermato con provvedimenti repressivi che rasentano la disumanità. Potremmo, e certamente lo faremo nelle sedi opportune. Ciò che invece oggi è urgente spiegare ai cittadini, in particolare a coloro che da tempo hanno deciso di abdicare alla ragione affidandosi a pseudo politici, veri e propri imprenditori della paura che altro non sanno fare che soffiare sul fuoco delle umane inquietudini, è che questo decreto, approvato nell’ignavia di parlamentari e ministri del Movimento 5 Stelle, rischia di aggravare, e di molto, i problemi che a parole sostiene di risolvere”.   Così il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi commenta l’approvazione del decreto sicurezza.   “Anzitutto – spiega Mangialardi – l’eliminazione della protezione umanitaria, fino a oggi assegnata a quasi la metà dei richiedenti asilo, porterà a un inevitabile aumento del numero degli stranieri irregolari, i quali, in condizioni di estrema debolezza, determinate dall’impossibilità di trovare un lavoro regolare o di ricevere prestazioni sociali, diventeranno facili prede della criminalità organizzata o saranno spinti a delinque per poter semplicemente sopravvivere. Dunque, altro che sicurezza”.   “Ma non solo – aggiunge il sindaco di Senigallia – molto grave è anche il depotenziamento del sistema Sprar, ovvero l’accoglienza diffusa gestita dai comuni che consente oggi ai richiedenti asilo di seguire importanti percorsi di integrazione. L’accesso limitato solo a coloro che si sono visti accogliere la domanda di protezione internazionale, come prevede appunto il decreto del governo, porterà coloro che sono ancora solo richiedenti a essere trasferiti  nei centri di accoglienza ordinari, senza avere l’opportunità di svolgere attività o corsi finalizzati alla formazione e all’integrazione. Tale limitazione rischia inoltre di avere effetti devastanti sui minori soli, che dovranno interrompere i percorsi di accoglienza e inclusione sociale per ritrovarsi in un sistema come quello dei Centri di accoglienza straordinaria, dove spesso non è previsto nessun progetto di inclusione sociale. La triste e drammatica realtà è che un numero enorme di persone resterà fuori da un sistema che ha dimostrato di saper garantire integrazione e stabilità sociale con benefici per le comunità. Basti considerare che l’ultimo rapporto dell’Anci evidenzia come quasi la metà delle persone uscite dallo Sprar lo scorso anno siano riuscite a ottenere un contratto di lavoro, mentre circa il 70% ha comunque acquisito gli strumenti per essere autonomo. Da ultimo, ma non certo per importanza, la stessa Anci ha calcolato che il ridimensionamento dello Sprar costerà ai Comuni italiani circa 280 milioni di euro, oggi a carico del sistema nazionale, che andranno a gravare sui servizi sociali e sanitari”.   “Insomma – conclude Mangialardi – spero sia chiaro che questo sfacelo politico, sociale, economico, istituzionale e umano, non avrà nessun effetto, se non negativo, sui temi della sicurezza, e non cancellerà nemmeno, come magari alcuni hanno ingenuamente creduto, i migranti che stanziano nei nostri parcheggi. Una certezza però c’è: il decreto Salvini è riuscito a rendere indegna l'Italia di fronte alla propria storia e alla propria cultura, sia nell'anima laica che cattolica, che l’ha resa un modello di civiltà in tutto il mondo”.   Senigallia 1° dicembre 2018   Ufficio stampa del Comune di Senigallia 
Martedì, 04 Dicembre 2018 08:46
L'articolo apparso in data 30 novembre su l'Altro giornale, in cui viene presentata la fusione tra iComuni di Corinaldo e Castelleone di Suasa come una procedura già avviata e da concretizzarsi abreve, ci obbliga ad una replica che faccia chiarezza sulla nostra posizione, ancor più alla luce dellascia di comunicati allarmistici e infondati che si sono susseguiti in poche ore sull’argomento.Di certo ad oggi non è iniziato alcun processo, né esiste un atto ufficiale, una delibera dellerispettive Giunte, che incarichi il Segretario Comunale a redigere uno studio di fattibilità.Questa Amministrazione ha manifestato sin dall’inizio del suo mandato la volontà di renderepienamente operativa l'Unione dei Comuni, non solo per rispettare gli obblighi che ci imponeva lalegge ma per ricercare una gestione che ci consentisse un'ottimizzazione delle risorse, non tanto intermini di efficienza, bensì nella disponibilità, a favore di entrambe le comunità, di una pluralità diprofessionalità e di competenze che non potremmo avere se lavorassimo da soli.In questo percorso abbiamo trovato la disponibilità di Corinaldo ad affrontare la parte piùconsistente di questo lavoro, grazie ovviamente alla forza di un numero molto superiore didipendenti, così come ad una capacità finanziaria molto più ampia, che ci ha consentito di nonchiedere un mutuo per il rifacimento del marciapiede di via Roma ma di avere invece un prestito,non un “regalo”, dal Comune di Corinaldo, che stiamo restituendo ratealmente in quota capitale einteressi.Siamo arrivati ad oggi con il totale trasferimento dei dipendenti all'Unione Misa-Nevola e con laconseguente gestione consociata non solo di tutte le funzioni fondamentali, come richiedeva lalegge, ma anche di quelle minori, questa operazione è passata per un periodo di transizione, nonancora completato, indubbiamente impegnativo e faticoso, soprattutto per i dipendenti dei dueComuni a cui va il nostro più sincero ringraziamento.In questo dialogo a più riprese tra le due maggioranze, inevitabilmente è stata messa sul tavoloanche l'ipotesi della fusione tra i due Comuni, ma su questo punto la posizione di Castelleone è statasempre molto chiara e decisa: non c'è una contrarietà aprioristica a questa eventualità, ma la fusionetra due realtà diverse, seppur vicine e simili, quand'anche ci sia una buona collaborazione tra lerispettive Amministrazioni, rimane una procedura complessa, una trasformazione che implica uncambiamento profondo, e che non può mai essere una scelta puramente politica, ma deve nasceredalle esigenze degli abitanti, deve necessariamente prendere il via da una volontà degli stessicittadini, che gli Amministratori hanno il compito di accompagnare in questo eventuale percorsosenza mai forzarlo né tantomeno imporlo, altrimenti è destinato al fallimento, con conseguenzedisastrose per il territorio unito o quantomeno per una parte di questo.Abbiamo il massimo rispetto verso i cittadini e di conseguenza verso la minoranza consiliare che nerappresenta una parte; capiamo tutte le perplessità e i dubbi espressi dai consiglieri di minoranza nelloro comunicato, sono anche i nostri, ma non possiamo condividerne le modalità, la fretta con cui èstato dato alla stampa, senza alcun tentativo di verifica delle informazioni.Nel comunicato della minoranza di Corinaldo addirittura la fusione viene spacciata come un atto giàin corso, un’operazione a cui avremmo dato il via da ben 2 anni; sorvolando sulle ipotesisimilcomplottistiche, di fatto anche in questo comunicato si dà ampio spazio alla fantasia e benpoco alla realtà, che rimane una sola: nessuna fusione è in atto.dal Comune di Castelleone di Suasa
Martedì, 04 Dicembre 2018 08:44
Grande successo e partecipazione di pubblico al Museo Nori De’ Nobili della Città di Trecastelli loscorso 1 dicembre 2018, in occasione dell’inaugurazione della mostra “IL RITRATTO NELLE ARTIVISIVE CONTEMPORANEE”. Numerosi cittadini, visitatori e anche artisti ed estimatori delle artivisive hanno assistito con interesse alla presentazione. Il vernissage ha visto la partecipazione diManuela Bora, Assessore Regionale alle Pari Opportunità, che ha espresso grande entusiasmoper il nuovo progetto del Museo di Trecastelli, realizzato in collaborazione con il Museo AldaMerini di Milano, il Museo Floriano Bodini di Gemonio e il Musinf di Senigallia. L’Assessore allaCultura di Trecastelli, Valentina Marinelli, si è dichiarata soddisfatta della mostra, in cui si trovanoprotagonisti trentacinque artisti e che coinvolge pittura, scultura e fotografia. Le curatrici MariaJannelli e Simona Zava hanno illustrato la tematica del ritratto, citando tutti gli artisti inesposizione: diversi di loro erano presenti all’evento. Il Prof. Carlo Emanuele Bugatti, Direttore delMusinf e del Museo Nori De’ Nobili, ha sottolineato l’importanza del progetto, perfettamente inlinea con l’attività culturale e artistica del Centro Studi. Il Sindaco di Trecastelli Fausto Conigli haposto inoltre l’accento sull’importanza della cultura e del ruolo fondamentale che acquista per laComunità. Subito dopo i numerosi visitatori hanno avuto modo di ammirare l’esposizione, chepresenta le opere di Floriano Bodini, Francesca Vitali Boldini, Giuseppe Brunetti, GianniCappello, Angelo Casati, Giancarlo Cazzaniga, Leonardo Cemak, Mino Ceretti, Silvio Ceccarelli,Virginia Dal Magro, Antonio Delle Rose, Mirna Donadoni, Marina Falco, Renato Galbusera,Gianantonio Gennari, Maria Jannelli, Piero Marchetti, Matè, Antonio Miano, Francesco Messina,Maria Mulas, Barbara Namhad, Alfonso Napolitano, Alessandro Papetti, Ruggero Passeri, PicoRomagnoli, Rosario Ruggiero, Maria Luisa Simone, Domenico Simonini, Pierangelo Tronconi,Sabina Trifilò, Michela Usanza, Franco Vasconi, Velasco Vitali, Qiao Zhang. La mostra “ILRITRATTO NELLE ARTI VISIVE CONTEMPORANEE” è promossa dall’Assessorato alla Cultura dellaCittà di Trecastelli e dal Museo Nori De’ Nobili, in collaborazione con il Museo comunale d’artemoderna dell’informazione e della fotografia di Senigallia, La Casa delle Arti-Museo Alda Merini diMilano, il Museo Civico Floriano Bodini di Gemonio e ha il patrocino della Commissione per le PariOpportunità tra uomo e donna della Regione Marche. L’esposizione sarà visitabile fino al 27gennaio 2019 martedì e sabato mattina dalle 10.30 alle 12.30 e venerdì, sabato e domenicapomeriggio dalle 17.00 alle 19.30. L’ingresso e le visite guidate, per singole persone e gruppi, siaalla mostra che al museo, sono gratuiti.
Martedì, 04 Dicembre 2018 08:43
La giovane food activist argentina, ospite dell’Istituto Alberghiero di Senigallia, racconta la sua passione per ilbuon cibo che dalla Patagonia l’ha portata all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. “Il senso del buon cibo dalla Patagonia a Pollenzo. Una storia da raccontare” Questo il tema dell’incontro conYain Alè Sciola, lunedì 3 dicembre alle ore 11,00 presso la Sala Incontri dell’Istituto di Istruzione Superiore per iServizi Alberghieri della Ristorazione del Commercio e del Turismo “Alfredo Panzini” di Senigallia. L’evento,patrocinato dal Comune di Senigallia e organizzato con la collaborazione di Giuliano de Minicis, di Box Marche edella Condotta Slow Food di Senigallia, è stata l’occasione per far conoscere una storia esemplare di passionelegata al mondo del “buon cibo”.Yain Alè Sciola è una giovane imprenditrice e food activist, con antenati indigeni e italiani, è cresciuta inPatagonia sulle Cordillera de los Andes, Argentina, in una famiglia molto povera. Grazie alla sua passione per lagastronomia, l'ecologia e la giustizia sociale si è potuta aprire ad altri orizzonti, non permettendo che il suo statuseconomico le impedisse la visione del proprio futuro. Come imprenditrice ha iniziato vendendo il pane per stradache produceva in casa. Successivamente ha fondato “Silvestra Indie Food” attività dedicata a valorizzare i fruttiche crescono spontaneamente nelle foreste della Patagonia.Questa iniziativa è stata premiata più volte nel mondo dell'imprenditoria per l’impegno sociale e ambientale(Capital Semilla, Neuquén Idea 2016 per innovazione alimentare, Mayma imprenditorialità a impatto zero).Nel 2016 è stata invitata da Slow Food a partecipare a “Terra Madre”, Salone del Gusto di Torino, inrappresentanza di Slow Food Argentina, dove ha conosciuto l'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo incui attualmente studia grazie a una borsa di studio. Yain Alè Sciola collabora da anni alla gestione di progettiinterculturali sui popoli originari (Comunidad Mapuche, Aucapan… ).Recentemente ha fondato “Quilombo movement” un movimento politico che invita a ripensare la gastronomiacon una ottica decoloniale e femminista.Una mattinata particolare per gli alunni delle quarte classi di cucina e dolciaria, una lezione diversa con un’ospitespeciale, un incontro davvero coinvolgente, una esperienza di crescita.Un ringraziamento da parte del vice preside prof. Goffredo Giovanelli, alla grande disponibilità di questa ragazzaargentina, ma anche a chi, Giuliano De Minicis (DMPConcept) e Tonino Dominici (BoxMarche), ha reso possibilequesta opportunità di formazione.
Pagina 1 di 158

Comunicare "in TUTTI i SENSI"

COMUNICA con i mezzi del nostro Gruppo

Gruppo MEDIA