SENIGALLIA - Una nuova Stella brilla nello sport senigalliese

 “Caro Enzo - inizia la lettera che il Presidente Giovanni Malagò ha scritto al Maestro di tennistavolo Enzo Pettinelli - con grande felicità comunico che il CONI ti ha conferito la Stella d’Argento al Merito Sportivo in riconoscimento delle benemerenze acquisite nella tua attività dirigenziale. Con questa Onorificenza - continua la missiva - oltre che attestare le tue capacità e i risultati conseguiti in tale attività, desidera anche esprimerti profonda riconoscenza per la generosa collaborazione e l’impegno dedicati allo sport in tanti anni di servizio”.
  Dopo la Stella d’Oro al Club e a Massimo Costantini, la Stella conferita dal CONI riconosce il valore del fondatore della Scuola che quest’anno ha ottenuto risultati importanti come le quattro medaglie d’oro e le due di argento ottenute al Campionati Italiani (conquistate con la vecchia guardia e le nuove generazioni), tre promozioni nei campionati a squadre, l’accreditamento dell’Università di Urbino e del Servizio Civile Nazionale.   Pettinelli non è nuovo ad onorificenze. Ha iniziato con il “Seminatore d’Oro” agli albori della carriera (ma aveva già vinto titoli nazionali con le sorelle Polverari e Costantini), poi gli è stato conferito il Tripode d’Oro (massima onorificenza CSI) ed infine la Stella CONI. Autore di libri tecnici e divulgativi (alcuni titoli sono stati in vetta alle classifiche iTunes della statunitense Apple e sono tradotti in numerose lingue), dotato di grandissima umanità, allenatore di base ma anche raffinatissimo maestro di talenti, Pettinelli è l’esatto contrario del sergente di ferro che impone schemi ossessivi ed alza la voce. Mite ma determinato mette a disposizione dell’allievo le sue notevoli competenze per percorrere insieme un percorso sportivo ed umano. Massimo Costantini, Sabrina Moretti, Daniela Cardinali, Luca Ricci, Gionata Poli sono stati portati in Nazionale dal tecnico senigalliese che tanti anni fa ha impostato anche le scuole tecniche di San Marino, Libia e Malta dopo aver ricoperto incarichi nella federazione italiana come Consigliere nazionale, CT, Direttore della Scuola per il perfezionamento atleti e dirigenti.   Il Tennistavolo Senigallia, che punta moltissimo sul gruppo e sulla serenità dell’ambiente, è particolarmente lieto del riconoscimento dato al Maestro Pettinelli perché è la dimostrazione che il talento individuale è esaltato dal lavoro di squadra e non certo mortificato. La straordinaria stagione di successi, riconoscimenti ed onorificenze che sta vivendo il club ristabilisce la giusta proporzione con chi ha ritenuto che fosse possibile costruire una realtà sportiva sulle parole. Lo sport infatti è pieno di allenatori e dirigenti, capaci e seri, che senza superbia e con tanta dedizione fanno il duro lavoro quotidiano di palestra senza illudere ragazzini pieni di sogni ma insegnando loro che lo sport è principalmente gioia. E che per questo modo di fare ottengono riconoscimenti e risultati.   Da Tennistavolo Senigallia
Vota questo articolo
(0 Voti)

Comunicare "in TUTTI i SENSI"

COMUNICA con i mezzi del nostro Gruppo

Gruppo MEDIA