SENIGALLIA - Migranti, dal governo quasi 2,5 milioni di euro all’Unione dei Comuni “Le Terre della Marca Senone” per l’accoglienza di 25 minori stranieri non accompagnati

Lo scorso 25 luglio il ministro dell’Interno ha assegnato le risorse finanziarie a 20 nuovi progetti presentati dagli enti locali per l’accoglienza di minori stranieri non accompagnati nell’ambito della rete Siproimi, ovvero l’ex Sprar. A beneficiarne saranno anche i comuni dell’Unione “Le Terre della Marca Senone”, che hanno presentato un progetto proiettato verso l’autonomizzazione dei giovani al compimento del diciottesimo anno di età, risultato primo nella graduatoria nazionale stilata dal ministero. Grazie a ciò, nel territorio arriveranno 2 milioni 426 mila euro nel triennio compreso tra luglio 2019 e maggio 2022. “Portiamo a casa un risultato importantissimo – afferma il presidente dell’Unione Maurizio Mangialardi - che consentirà di mettere a carico del progetto la spesa per i minori stranieri non accompagnati, liberando risorse per dare risposte ad altre fragilità e vulnerabilità sociali. Credo che questo progetto dimostri anche ai più scettici la bontà del percorso realizzato per costituire l’Unione dei Comuni, attraverso la quale riusciamo a potenziare e a rendere sempre più efficiente il coordinamento e la gestione associata delle funzioni in ambito sociale, già avviata con l’esperienza della convenzione tra i Comuni”. “È fondamentale – aggiunge Mangialardi in riferimento al progetto – che Comuni ed enti locali continuino a sviluppare progetti come questi, capaci di dare risultati importanti sul terreno dell’integrazione culturale, la coesione sociale e la promozione di una solidarietà fondata sul rispetto della legalità e il riconoscimento dei diritti umani. L’immigrazione è un fenomeno che va gestito programmando azioni e dando risposte ai problemi, non un terreno di continua campagna elettorale dove alimentare , spesso di proposito, la spirale dell’intolleranza”.
Vota questo articolo
(0 Voti)

Comunicare "in TUTTI i SENSI"

COMUNICA con i mezzi del nostro Gruppo

Gruppo MEDIA