SENIGALLIA - Sciapichetti si astenga dal fare il giudice

Durante i lavori del Consiglio Grande del 9 giugno, l’assessore regionale Sciapichetti, in un fervore sempre più crescente, si è lasciato andare a parole scandalose e quanto mai inopportune. Non degne di un assessore regionale. Rivolgendosi al sindaco ha espresso: “solidarietà a Mangialardi sotto indagine per un evento di cui non ha responsabilità”. Delle due, una: o Sciapichetti conosce già l’esito del processo che ancora deve iniziare oppure deve astenersi da simili affermazioni. Per noi di S.B.C. è ovviamente la seconda e siamo profondamente certi che un rappresentante istituzionale come Sciapichetti dovrebbe concentrarsi sul proprio lavoro, evitando simili cadute di stile. In uno Stato di diritto sono le sentenze a stabilire eventuali responsabilità, non certo i pre-giudizi di un assessore. Noi di S.B.C. confidiamo nel lavoro della Procura ed esprimiamo solidarietà a quanti svolgono il proprio lavoro per accertare la verità su quanto accaduto il 3 maggio 2014. Stendiamo infine un velo pietoso sugli applausi giunti dalla maggioranza, compreso ovviamente il consigliere Perini, e sul “bravo” espresso più volte da un vicesindaco incommentabile. Senigallia Bene Comune
Vota questo articolo
(0 Voti)

Comunicare "in TUTTI i SENSI"

COMUNICA con i mezzi del nostro Gruppo

Gruppo MEDIA