Questa notte attorno alle 2, i vigili del fuoco sono intervenuti a Cesano di Senigallia in strada Bruciata per un incidente stradale. Per cause in fase di accertamento, una vettura fiat Punto con tre ragazzi a bordo ha perso il controllo carambolando diverse volte, dalla corsia opposta sopraggiungeva una Fiat Bravo che ha urtato la vettura già incidentata. I tre ragazzi che occupavano la Fiat Punto sono stati trasportati dal personale del 118 al pronto soccorso di Senigallia. I vigili del fuoco hanno messo in sicurezza le vetture incidentate e prestato assistenza fornendo illuminazione ai Carabinieri durante i rilievi di legge.
Appuntamento con Chiara Michelon in Biblioteca venerdì 14 aprile, alle ore 17,45 per la presentazione del suo ultimo libro La fuga. Percorsi di rifugiati d’Oriente e d’Africa (Infinito Edizioni).Il romanzo, scritto nello stile narrativo a cui la scrittrice e giornalista ci ha abituati con i suoi precedenti lavori, racconta le storie di quattro rifugiati che vivono a Senigallia, accolti grazie a Fondazione Caritas. La fuga è un libro a metà tra un’indagine giornalistica, un saggio storico e un romanzo.Ci sono quattro storie di rifugiati oggi in Italia, scritte con stile narrativo dall’autrice, che assume il suo punto di vista privilegiato di interlocutore. Vengono dall’Iran, dal Pakistan, dall’Afghanistan e dal Sudan, il loro attuale stato è quello di rifugiato politico o di richiedente asilo e sono accolte a Senigallia grazie allo SPRAR (Sistema di protezione per rifugiati e richiedenti asilo), che a Senigallia è gestito da Caritas.Le quattro storie sono unite dal momento tragico della “rottura”, in ogni Paese avvenuta per cause differenti (attentati, dittature, torture, motivi religiosi o politici, mancanza di libertà), che le ha portate a dover scappare e intraprendere un viaggio verso un luogo più sicuro.Il libro premette a ogni storia una mappa storico politica del Paese d’origine degli stranieri e offre un riassunto delle principali vicende e cause storiche che hanno portato alla situazione attuale e al dilagare del terrorismo e del fanatismo religioso. Chiara Michelon è nata e cresciuta a Padova ma vive a Senigallia dal 2002. Laureata in Lettere e grande appassionata di cinema, si è cimentata in vari lavori inerenti alla scrittura e alla comunicazione, a partire dagli inizi come giornalista per Il Corriere adriatico, dove ha scritto per molti anni. Scoperta poi la sua predisposizione per l’ascolto e il reportage, anche grazie ai numerosi viaggi in Africa fatti insieme ad Amani, ONG di Milano che opera a sostegno dei bambini di strada, ha esordito con Noi, bambini di strada edito da Laterza nel 2006 e recensito tra gli altri da Internazionale, libro a stampo narrativo sulla vita degli street-children africani.Il suo modo di narrare, memore della non-fiction novel e capace di registrare i fatti trasmettendo emozioni, l’ha portata a scrivere una biografia di Luigi De Minicis, uno dei primi sindacalisti marchigiani, Una vita per il sindacato, e, nel 2014, Buon pranzo, buona domenica, edito da Ventura edizioni, sul pranzo degli esclusi offerto da Caritas, recensito anche su Venerdì di Repubblica.Attualmente fa l’editor per alcune case editrici di scolastica, scrive magazine per imparare l’italiano all’estero e supporta Caritas Senigallia per gli aspetti comunicativi. Ufficio stampa del Comune di Senigallia
Si conclude oggi la 51^ edizione di Vinitaly, il Salone internazionale dei vini e distillati divenuto ormai la prima fiera al mondo del settore per superficie espositiva e per numero di operatori esteri. Tante le presenze dei produttori marchigiani che, all’interno di una vetrina unica, hanno potuto presentare le migliori eccellenze locali. Tra gli stand, anche il sindaco di Senigallia e presidente dell’Anci Marche Maurizio Mangialardi. “Abbiamo scelto di essere qui al Vinitaly, al fianco dei nostri imprenditori – ha detto Mangialardi – perché vogliamo far sentir loro la vicinanza delle istituzioni locali nella tutela e nella valorizzazione di un settore fondamentale per la crescita economica della nostra regione, che rappresenta anche un importante volano di sviluppo per il segmento turistico enogastronomico”. Ufficio stampa del Comune di Senigallia
“Il Signore è veramente risorto!” Per i discepoli la notizia portata dalle donne che Gesù era risorto, sembrava una fantasia, addirittura, scrivono i vangeli, un “vaneggiamento”. Le donne erano andate al sepolcro con i profumi per completare la sepoltura di Gesù, compiuta il giorno prima troppo in fretta. In quei profumi c’era tutto il loro amore per il Maestro, ma anche la resa alla sua morte: Gesù era morto e poteva essere onorato solo come un morto. Anche quando Gesù risorto incontra i discepoli, questi non lo riconoscono o, come Maria Maddalena, lo scambiano per un’altra persona. La resa all’evidenza dei fatti (Gesù è morto) rende i discepoli tristi e pieni di paura, persone che hanno smarrito la speranza e tornano alle loro fatiche quotidiane (come Pietro e i suoi amici che riprendono a fare i pescatori). Gesù con grande pazienza va a riprendersi i suoi amici, li rassicura (“non temete”, ripete più volte), si mostra loro risorto con i gesti quotidiani della parola e del pasto condiviso. E i discepoli abbandonano la tristezza e la paura, perché finalmente riconoscono che “il Signore è veramente risorto”; il loro cuore ritorna a palpitare, i loro occhi sono in grado riconoscere Gesù risorto nel viandante che si era avvicinato lungo la strada, nello sconosciuto che li aveva raggiunti sulla riva del lago. E la speranza riprende vigore. I tempi che stiamo vivendo, come Chiesa e come società, procurano a molte persone tristezza e paura, indeboliscano la speranza e impediscano di riconoscere l’azione del Signore nella nostra vita e nella storia dei questi giorni. Gesù ripete con noi quanto ha fatto con i suoi discepoli: si affianca al nostro cammino, ci rivolge la sua parola che ridà slancio al cuore e guida i nostri passi; accoglie il nostro invito a restare con noi per spezzare quel pane che è la sua vita donata per noi e per gli uomini e le donne che abitano la terra e che ce lo fa riconoscere Risorto e Vivente tra di noi. Tutto questo perché possiamo dire a tutti con la nostra vita, con l’occuparci di noi stessi, delle persone che amiamo e di quelle che incontriamo nella loro sofferenza, che Gesù è veramente risorto e che per questo possiamo alimentare tutti la speranza per la nostra vita e operare con fiducia per rendere la “città degli uomini” un luogo dove la giustizia, l’onestà, l’accoglienza reciproca, l’impegno per il bene comune, la solidarietà…, non restano sogni che appaiono sempre più irrealizzabili o auspici che finiscono per risultare logori, ma il clima che tutti possono respirare. L’augurio che desidero rivolgere a tutti è che quanto la liturgia pasquale ripete - “Il Signore è veramente risorto!” - non resti solo l’annuncio di un giorno, ma risuoni nei giorni della nostra vita, con tutto il carico di speranza e di fiducia che ha suscitato quando è stato accolto per le prima volta, e, grazie a noi, anche nei giorni della vita delle persone che incontriamo. Vescovo Franco
Tutti stregati dalla metodologia Anderlecht. Dopo la prima riuscita tappa del Novembre scorso, lunedì e martedì a Senigallia è andato in scena il secondo appuntamento organizzato dalla Fc Senigallia Scuola Calcio Vigorina con il vivaio belga, uno dei più importanti al mondo. Grazie al contributo di Massimo Sarcì, Responsabile del progetto Giovani in Europa per l'Anderlecht, per due giorni si sono alternate sedute tecniche sul campo delle Saline e lezioni in aula presso l'Hotel Ritz. La partecipazione è stata massiccia, con tanti tecnici illustri di Senigallia (Marco Alessandrini, Aldo Clementi, Dino Guliani per citarne alcuni), i tecnici del Senigallia Calcio e tutti gli allenatori della società organizzatrice l'incontro. <Abbiamo proseguito l'approfondimento della metodologia Anderlecht – racconta Roberto Siena, dirigente dell'Fc Senigallia -. Un programma che virà la sua terza tappa culmine a giugno con la visita di Jean Kindermans, il responsabile del Settore Giovanile dell'Anderlecht, punto di riferimento mondiale nell'insegnamento del calcio ai giovani>. Il Responsabile del vivaio dell'Fc Senigallia, Loris Servadio, crede fortemente nella metodologia belga. Tale materia sarà anche il filo conduttore del Summer Camp che si terrà a Senigallia dal 9 al 17 luglio e che vedrà la partecipazione dei tecnici dell'Anderlecht, Massimo Sarcì, Antonio Scibetta (all. Under 12) e Fred Delooz (coordinatore delle attività preagonistiche). In tale circostanza i portieri potranno allenarsi con Lorenzo Di Iorio, istruttore Figc ed ex preparatore di Handanovic, Toldo, Meret e Scuffet. Matteo Magnarelli - MMag Comunicazione Ufficio stampa FC Senigallia www.fcsenigallia.it
E’ arrivata Pasqua ed il tradizionale torneo biathlon scacchi-pingpong, ideato ed organizzato dal prof. Ivano Faini, non ha mancato la ricorrenza che, come il Natale e la fine dell’estate, segna ormai un appuntamento fisso da una decina di anni.   Formula classica con due tornei distinti ma punteggi sommati per la classifica finale. La formula prevede un piccolo handicap per il vincitore della precedente edizione e questo facilita il movimento nel tabellone evitando la rendita di posizione della classifica per valori. Faini, Bruglia, Massi e Guglielmi guidano la classifica storica ed i miglioramenti ottenuti nel gioco sportivo potranno fare la differenza in questa edizione pasquale.   Appuntamento per sabato 15 aprile al Centro Olimpico. Programma: Ore 15:15 - Arrivi e conferma iscrizione.Ore 15:30 - 17:30 - Torneo di scacchi (5 turni. Tempo di riflessione 10 minuti).Ore 17:30 - 17:45 - Pausa ristoro.Ore 17:45 - 18:00 - Riscaldamento Ping-Pong.Ore 18:00 - 19:20 - Torneo Ping-Pong (9 partite agli 11 punti).Ore 19:30 -  Premiazioni. Premi: Coppa ai primi 3 classificati e buoni pizza ai migliori dieci classificati. Organizzatore: Faini Ivano Per prenotare (ci sono 12 scacchiere e 12 tavoli da ping-pong): Tel: 071-7990113 - Cell: 393-8098830
Il carnevale a Corinaldo è "Carnevaldo". Tre giorni di festa, colori e divertimento organizzata dall'Amministrazione Comunale, dalla Pro Loco e in collaborazione con l'Associazione Culturale "Teatro Time". Un appuntamento dedicato alle persone di ogni età ma con particolare riferimento ai giovanissimi, che si snoderà nell'arco di tre distinti momenti: si parte sabato 18 e poi domenica 26 e lunedì 27 febbraio. Tale le novità e le sorprese, dalla "Arena Marakana" alla parata con il "Cilicchione". Sabato 18, a partire dalle ore 17 quando si apre la speciale "Arena Marakana", situata nel piazzale Gioco del Pallone, che ospiterà una festa per grandi e piccini. Il ritrovo è previsto in prossimità di piazza della Fontana da dove partirà la parata in maschera, con il "Cilicchione". Poi, a partire dalle ore 21 la festa continua con la musica e l'animazione degli "Shampoo". Per l'occasione, saranno allestiti pure uno stand enogastronomico, un open bar, una festa in maschera. A calare il sipario su questa notte di allegria ci penserà dj set, a partire dalle 23.30. L'ingresso è libero. Domenica 26, quindi, "Carnevaldo" proporrà una festa destinata interamente ai bambini. L'appuntamento è per le ore 16, sempre nel piazzale Gioco del Pallone. Lunedì 27, infine, a partire dalle ore 16.30, una Lettura Animata in Biblioteca (un appuntamento destinato ai bambini dai tre ai sette anni di età) a cui farà seguito un Laboratorio Manuale che chiuderà la tre giorni carnascialesca. Al riguardo, sono emblematiche le parole del Sindaco Matteo Principi. "Con "Carnevaldo" - ha commentato il Sindaco - prosegue la tradizione del Carnevale corinaldese, sempre più unita al folclore e ai costumi del nostro borgo. In particolare, con l'introduzione della nuova figura del "Cilicchione", che rappresenterà il nostro Carnevale anche durante i prossimi anni, si rafforza la collaborazione tra Amministrazione e associazioni. In particolare, con l'associazione madre: mi riferisco alla nostra "Pro Loco", a cui esprimo sinceri ringraziamenti, da estendere ai volontari che non si risparmiano in fatto di disponibilità e di affidabilità. La soddisfazione è anche più palpabile, se si considera l'esperienza dell'ultimo dell'anno: "Carnevaldo", in tal senso, rappresenta un'ulteriore iniziativa di qualità".  
Ottime notizie per la Security Ta.Pe. nella serie C maschile, pessime per la Dg Design Miv nella serie C femminile. E’ dalla doppia faccia la prima giornata della seconda fase dei campionati per le squadre dell’Us Pallavolo Senigallia. Dopo quattro mesi e nove sconfitte consecutive torna al successo la Security Ta.Pe. che conquista tre punti determinanti in chiave salvezza battendo per 3-1 la Travaglini Ascoli che resta fanalino di coda del girone che deciderà chi resterà in serie C maschile e chi retrocederà in D. Nonostante le due squadre non siano certamente le più forti della serie C, è uscita una bella partita, molto combattuta dal primo all’ultimo pallone con grande equilibrio, almeno nei primi tre parziali. I senigalliesi partivano male e gli ospiti ne approfittavano prendendo fino a 7 punti di vantaggio nel primo set. La rimonta della squadra di casa arrivava tardi e gli ascolani riuscivano a chiudere il set 23-25. Anche nel secondo parziale la Travaglini prendeva margine, ma stavolta la rimonta della Security Ta.Pe. arrivava in tempo. Gli ospiti avevano il set point per portarsi 0-2 sul 23-24, ma non lo sfruttavano e la squadra dei coach-players Baldoni e Anselmi vinceva in volata 26-24. Molto equilibrato anche il quarto parziale fino al rush finale della Security Ta.Pe. che dal 21-20 infilava quattro punti di fila fino al 25-20. L’equilibrio si era ormai spezzato a favore dei senigalliesi che nel quarto set filavano lisci fino alla vittoria (25-18). Decisiva la versatilità di molti giocatori nerazzurri come Benini, impiegato sia da palleggiatore che da schiacciatore con ottimi frutti o di Tulbure, centrale di ruolo, reinventatosi schiacciatore per necessità. Ospiti molto bravi nell’attacco alla banda, ma con poco gioco sui centrali e dunque, alla lunga, prevedibili. I tre punti sono vero e proprio ossigeno per i senigalliesi che allontanano, almeno per ora, lo spettro della retrocessione diretta. Sabato 18, per la Security Ta,Pe. impegno durissimo a Collemarino. Poco da dire sulla prestazione della Dg Design Miv sconfitta 3-0 a Grottazzolina con i parziali di 25-16, 25-18, 25-19. Non bastano come giustificazioni né l’assenza di Camilla Baroncioni, peraltro ben sostituita dalla giovanissima Alessia Santinelli, promossa dalla squadra B, né il pessimo arbitraggio. La realtà è che la squadra, da dopo la sosta natalizia, viaggia ad un’andatura modesta e non riesce a cambiar marcia. Non c’è riuscita neanche all’interno della stessa partita di Grottazzolina in cui le nerazzurre hanno iniziato il match male ed hanno proseguito con lo stesso trantran fino all’inevitabile sconfitta. Di questo passo, raggiungere i play-off è una chimera. Sabato 18 impegno casalingo contro il fortissimo Monte San Giusto.
Un gol di Chicco in pieno recupero regala il pareggio nel derby con la Vigor. Un pareggio insperato a quel punto e per come si erano messe le cose. E vista l’importanza della gara,un gol che ha fatto letteralmente impazzire di gioia tutti i biancorossoblu. Tutto ciò nel contesto di una stracittadina vissuta allo stadio da quasi 600 spettatori, così come al Bianchelli non accadeva da tanto tempo, a testimonianza della grande fame di calcio della città. Grande fame l’avevano anche le due contendenti, che si sono presentate al calcio d’inizio con il morale alto e gli stessi punti in classifica (29), appaiate al quarto posto assieme al Moie, oltre che con tanti ex in campo. Nel primo tempo meglio i biancorossoblu, ma nessuna vera occasione e quindi nessun gol. Nella ripresa 20’ di equilibrio, poi via ai fuochi d’artificio. Prima vera chance per Moschini della Vigor, ma l’attaccante spreca. Un minuto dopo potrebbe passare l’Fc, ma Terrè si fa neutralizzare il tiro da Bartoletti. Ancora pochi istanti e, alla seconda buona opportunità, la Vigor sblocca il risultato grazie a Pallavicini che ribadisce in rete dopo il palo colpito da un compagno. Palla al centro e mister Goldoni lancia in campo Coppa, autore del gol nell’1 a 1 dell’andata. L’attaccante ex Vigor dopo appena 120 secondi potrebbe ripetersi e pareggiare, ma da ottima posizione stavolta è meno fortunato. Al 28’ episodio importante: Minardi e Falcinelli si beccano e si scambiano un colpo, per l’arbitro però il rosso è solo per Minardi e così l’Fc Senigallia è costretto a tentare la rimonta in inferiorità numerica. Sembra un’impresa impossibile contro una Vigor solida, ma proprio in pieno recupero ci pensa bomber Chicco a far esplodere di gioia tutta l’Fc Senigallia, inzuccando alle spalle di Bartoletti la rete del definitivo 1 a 1. Un pareggio probabilmente giusto per quanto visto in campo. Un pareggio che, per come arrivato, fa parecchio felici i biancorossoblu e che in termini di classifica, invece, non cambia la situazione: Fc e Vigor restano appaiate al quarto posto, in piena zona playoff, ora a quota 30 punti, aspettando di sapere gli altri risultati di domani. Tabellino FC SENIGALLIA-VIGOR SENIGALLIA 1-1 FC SENIGALLIA: Minardi, G.Gregorini, Giantomasi, Marini, Giraldi (68’ Coppa), Rosi, Cusimano, Terrè (74’ Fraboni), Chicco, D’Errico, Spezie (78’ Bellagamba). All. Goldoni VIGOR SENIGALLIA: Bartoletti, Zandri, Curzi, Pambianchi, Xhelilaj, S.Gregorini, G.Cercaci (82’ Paolini), Pallavicini, Moschini, Pianelli (60’ Roberto), Falcinelli (86’ Mucaj). All. Mancini ARBITRO: Bottin di Ancona MARCATORI: 67’ Pallavicini, 93’ Chicco. NOTE: spettatori 600 circa. Al 73’ espulso Minardi
Nonostante i positivi dati statistici, relativi al calo complessivo dei reati predatori commessi nel territorio del circondario del Commissariato durante l’anno 2016, gli agenti del Commissariato proseguono costantemente le attività di polizia dirette al contrasto dei reati predatori ma, più in generale, alla tutela della sicurezza pubblica ed al controllo di eventuali soggetti pregiudicati che si aggirano magari con l’intento di effettuare sopralluoghi in vista di successivi furti. I controlli sono stati poi estesi alle zone frequentate dai giovani ( parchi o piazze della città) ove talvolta vengono segnalati episodi di spaccio di stupefacenti. In questo senso, sono stato predisposti ed effettuati, su disposizione del Questore di Ancona, mirati servizi straordinari di controllo attuati, in modo capillare dal personale del Commissariato di P.S. con l’ausilio del personale del reparto prevenzione crimine di Perugia. I posti di controllo sono stati effettuati sia sulla statale adriatica che nelle zone interne della città hanno visto impegnato dieci equipaggi della Polizia, tra cui anche personale in borghese, ed hanno consentito di sottoporre a controllo oltre 135 persone, tra i quali alcuni pregiudicati rintracciati sul territorio senigalliese. I controlli sono stati effettuati anche utilizzando le moderne tecnologie in dotazione ai veicoli del Reparto Prevenzione crimine di Perugia dotate del cd. sistema Mercurio che consente di registrare tutte le targhe delle autovetture in transito per effettuare le necessarie verifiche di polizia ed, eventualmente, in caso di esito positivo ( es. veicolo rubato o sottoposto a sequestro etc..), procedere a fermare immediatamente il veicolo per le opportune verifiche. Nel corso di tali controlli gli uomini della Polizia sono stati chiamati ad intervenire poiché vi era un giovane straniero che dava fastidio ai passeggeri all’interno di un autobus locale. Gli agenti raggiungevano il veicolo e procedevano al controllo del giovane segnalato dall’autista. L’uomo E.K., risultava essere di origine nigeriana, di anni 35 circa da tempo presente in Italia ed al momento del controllo inizialmente si rifiutava di fornire le proprie generalità e successivamente forniva i propri dati. Tenuto conto del comportamento tenuto dal giovane questi veniva condotto in Commissariato ove venivano effettuai gli accertamenti e l’uomo risultava aver generalità diverse da quelle dichiarate . Pertanto gli agenti procedevano a deferire il soggetto all’autorità giudiziaria per le false generalità fornite. Nel corso dei servizi , inoltre , gli agenti erano chiamati ad intervenire, all’interno del supermercato di via Abbagnano, ove una donna veniva segnalata come probabile autrice di un furto. I poliziotti si recavano e rintracciavano la donna che aveva appena superato le casse che , all’interno della borsa, nascondeva diversi oggetti ( materiale elettronico e per il corpo) che non erano stati pagati. La donna, senigalliese, di anni 45, con precedenti per furto, veniva condotta in Commissariato e quindi denunciata per il reato di tentato furto. Nel corso dei controlli sono stati effettuati i controlli all’interno della sala slot presenti sul territori all’interno delle quali sono stati identificati oltre 40 persone, alcune delle quali pregiudicati. Non sono state riscontrate violazioni amministrative.

Comunicare "in TUTTI i SENSI"

COMUNICA con i mezzi del nostro Gruppo

Gruppo MEDIA