OSTRA - Imprenditore cinese denunciato per furto di energia elettrica

I Carabinieri della Compagnia di Senigallia hanno denunciato in stato di libertà un imprenditore cinese di 56enne, residente a Ostra, per furto aggravato. I militari del Nucleo Radiomobile, con l’ausilio di personale tecnico dell’Enel, hanno eseguito un’ispezione all’interno di un opificio di confezioni-abbigliamento per conto terzi, sito a Ostra e gestito dal 56enne, accertando che dal 2015 era stato illecitamente installato un potente magnete sul contatore dell’energia elettrica che consentiva di quantificare consumi del 90% inferiori a quelli reali, in tal modo impossessandosi abusivamente di energia elettrica. Con tale stratagemma, l’imprenditore, a fronte di consumi bimestrali pari 1000 euro, riusciva a ricevere bollette che non superavano i 180 euro. I tecnici dell’Enel hanno quantificato il furto di corrente nell’arco di 2 anni e mezzo in 12.000 euro circa. Il magnete ed il contatore, previo smontaggio, sono stati sottoposti sequestro. L’opificio è rimasto quindi senza corrente. L’imprenditore cinese è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Ancona per furto aggravato. Nella notte, a Senigallia, sono stati denunciati due persone per guida in stato di ebbrezza. Intorno alle 3:00 sul lungomare Dante Alighieri la pattuglia del Nucleo Radiomobile ha controllato un 36enne di Senigallia alla guida del proprio motociclo Yamaha. Il centauro, che ha manifestato comportamenti sintomatici dell’abuso etilico, è stato sottoposto immediatamente ad accertamento alcolemico, risultando positivo con tasso del 1,33 gr/lt. Dopo circa un’ora, sullo stesso tratto di lungomare, la pattuglia ha proceduto al controllo di una Fiat Punto. Anche in questo caso l’automobilista 47enne del luogo, è stato sottoposto all’alcool test risultando positivo con un tasso del 1,40 gr/lt. I veicoli sono stati affidati a persone idonee ai sensi del codice della strada. Oltre alla denuncia penale ad entrambi è stata ritirata la patente di guida per gli eventuali provvedimenti di sospensione di competenza del Prefetto di Ancona.
Vota questo articolo
(0 Voti)